F.A.D. 2011

CICWEB FBok 2016

ANTIBIOTICI IN ODONTOIATRIA: INDICAZIONI, MODI E TEMPI DI SOMMINISTRAZIONE

CORSO FAD CIC 2011

30 Settembre – 31 Dicembre 2011

Id ECM nr. 696–14453

Nr. 3 ore formative – crediti erogati 3

Razionale

La terapia antimi­crobica non può essere fatta soltanto a scopo psico­logico, dando al paziente antibiotici in dose e quantità ridotte, giusto per “accon­ten­tarlo” e/o ottenere una certa copertura. Vale ancora quello che diceva un secolo fa Paul Erlich (padre della chemio­te­rapia, scopritore del Salvarsan il primo farmaco per la cura della sifilide) “colpisci forte e colpisci in fretta”.

Questo equivale ad affermare che gli antibiotici sono armi preziose, che non vanno sprecate utiliz­zandole quando non sono neces­sarie, ma da mettere in campo senza risparmi nel numero e nella rapidità di dispie­ga­mento laddove servano veramente.

Un’altra celebre frase di Erlich “corpora non agunt nisi fixata” si può tradurre con le attuali conoscenze come “i farmaci non agiscono se non hanno un recettore”, che rappre­senta un cardine dell’intera farma­co­logia attuale.

Infor­ma­zioni

Respon­sabile scien­tifico: Francesco Scarparo

Autore: Andrea Novelli – Dipar­ti­mento di Farma­co­logia Preclinica e Clinica, Università degli Studi di Firenze.

Indice

Antibiotici in odonto­iatria: indica­zioni, modi e tempi di sommi­ni­stra­zione”

La Carta di Milano – Criteri di base per un utilizzo adeguato degli antibiotici: racco­man­da­zioni della Società Italiana di Chemio­te­rapia”


Documenti

FacebookTwitterLinkedin

Condividi: 0